Da giocatore professionista di StarCraft a dipendente della Blizzard: intervista a TheBOy

14/7/2017 | Blizzard Entertainment

Con StarCraft: Remastered in arrivo il 14 agosto, non c'è mai stato un momento migliore per ripensare ai vent'anni di storia di StarCraft. Questa settimana mettiamo sotto i riflettori Kook "TheBOy" Kibong, che aveva 18 anni quando è uscito StarCraft , ed è diventato uno dei migliori giocatori coreani salendo sul podio di numerosi tornei.

Anni dopo, lo ritroviamo alla Blizzard Korea, dove aiuta nella gestione degli eventi eSport legati a StarCraft e StarCraft II. Abbiamo raggiunto Kibong per ascoltare la storia del suo viaggio, da giocatore determinato a professionista del gioco, fino a influente personalità degli eSport Blizzard.


Cosa ti ha attirato di StarCraft quando è uscito?

Quando vivevo in Australia, ho vinto molte competizioni di giochi di guida. Nel 1998 i miei amici se ne sono andati mentre ero in sala giochi. Li ho ritrovati in un Internet bar che giocavano a StarCraft. Ero così affascinato dai movimenti degli SCV e dei Marine che sono tornato e li ho guardati per 3 giorni di fila. Inizialmente non volevo giocare, ma alla fine non ho resistito.

Hai giocato a livello professionistico con i giochi di corse prima di iniziare con StarCraft?

Intorno al 1997 c'è stata un'esplosione dei giochi cabinati, così ho passato molto tempo in sala giochi. Giocavo con un amico che era un asso a Daytona USA. Volevo vincere, così ho cercato di migliorare costantemente i miei tempi sul giro di 0,01 secondi. Alla fine, non avevo rivali.

C'era anche una competizione settimanale in tutta la città con Daytona USA. Chi faceva il giro più veloce ogni settimana, vinceva una piccola somma e altri premi. Vincevo io, ogni settimana.

Più tardi, quando sono diventato un professionista di StarCraft, ho guadagnato abbastanza soldi per comprarmi una macchina. Mi piacevano le custom e ho anche partecipato a qualche gara. Stavo prendendo in seria considerazione il passaggio da giocatore professionista a pilota professionista. Ma la scena delle gare coreana era ancora poco sviluppata, così ho lasciato perdere.

Quanto ti ci è voluto per diventare un giocatore professionista di StarCraft?

Il periodo medio per diventare un professionista è più di un anno, ma sono riuscito a farmi una buona reputazione già dopo 7 mesi. All'ottavo mese avevo un manager, e subito dopo, uno sponsor.

Prima di diventare professionista, giocavo 8-10 ore al giorno. Una volta diventato pro, non trovavo più giocatori in grado di battermi, quindi non ho fatto molta pratica. Ma prima di una competizione, giocavo 20-30 partite per provare nuove strategie. Ho anche preso molti appunti per tenere traccia delle mie tattiche speciali. Mi piaceva il gioco e ci stavo su per almeno 3 o 4 ore al giorno.

Qual è il momento di cui sei più orgoglioso?

Nel 1999 tutto era nuovo ed emozionante. Guadagnavo soldi giocando con un titolo divertente, partecipando a show televisivi, conquistando i fan e incontrando i VIP del settore. C'è stato un tempo dove la gente spintonava per avere un mio autografo. Non dimenticherò mai il ProGamer Korea Open (PKO) del 1999, il mio primo torneo dal vivo. Ho perso in finale, ma prima ho vinto 8 partite di fila, un record rimasto imbattuto per molto tempo.

Una cosa che ricordo molto bene è quando sono stato invitato negli Stati Uniti da un Internet bar americano/coreano. Il mio volto era su tutti i giornali coreani lì, e sono stato persino invitato in una radio americana/coreana.

Qual è il tuo punto di forza? C'è un'unità in particolare in cui sei specializzato? Uno stile di cui sei stato pioniere?

Ho passato molto tempo concentrandomi sulle unità più deboli e sulle strategie mediocri. Volevo sfatare lo stereotipo che certe unità e strategie fossero meno efficaci di quelle più comuni. A volte una combinazione di unità sembra terribile, ma dopo aver scoperto il suo vero potere, puoi vincere facilmente.

Ero noto per utilizzare le Idralische, quindi il mio nickname naturale era "Idralisca", o "Idralisca vivente". A volte mi chiamavano anche "Idralisca meditabonda", perché meditavo sempre un sacco sulle mie giocate.

Quando mi hanno chiamato "Idralisca vivente" ho iniziato a creare Idralische sempre più spesso. Anche se sapevo di non doverle usare in certe partite, sentivo di doverlo fare.

Chi sono i tuoi amici migliori tra gli altri giocatori professionisti?

Sono ancora in buoni rapporti con i giocatori professionisti dell'era 1999-2002, tra cui Jinho Hong ("YellOw"), Do-gyung Kang ("H.O.T-Forever"), Guillaume Patry ("Grrrr...") e Giseok Lee ("SSamzang").

C'è qualche storia divertente che vi riguarda?

Ho dei video segreti di YellOw e H.O.T-Forever che ballano, cantano e dicono parolacce, ma voglio proteggere la loro privacy...

Cosa ti ha spinto a cambiare carriera?

Quando ero un giocatore professionista, non giocavo e basta. Ho perseguito altre opportunità lavorative. Visto che la popolarità degli Internet bar stava crescendo in Corea, ho organizzato alcuni eventi promozionali per loro. Alla fine ne ho fatto un vero lavoro grazie a un'azienda che ha deciso di affiliarsi a questo business.

Come sei finito in Blizzard?

Dopo aver fatto esperienza, ho creato una joint-venture con grandi ambizioni, ma ci sono stati problemi durante le prime fasi lavorative. Non sono riuscito a lanciare il prodotto e sono stato costretto a chiudere. È stato un duro colpo... Nel momento peggiore, si è aperta una posizione lavorativa alla Blizzard per gli eSport. In qualità di grande fan di StarCraft, era un'opportunità incredibile per realizzare i miei sogni e coniugarli con la mia passione.

Vinci tutti i tornei di StarCraft interni e le competizioni Blizzard? Chi è il tuo avversario più forte negli uffici Blizzard?

Quando sono entrato in Blizzard, molti colleghi mi hanno sfidato e ho sempre vinto. Oggi ci sono giocatori davvero bravi e, se uso i terran o i protoss, posso anche perdere. Ma con gli zerg sono ancora imbattuto. Molta gente mi ha detto che sono un giocatore totalmente diverso quando uso gli zerg. Scherzo sempre, dicendo che io stesso sono uno zerg, quindi non devo neanche toccare mouse e tastiera per vincere una partita!  

 

Altre interviste:

Tasteless e Artosis: 19 anni di StarCraft (e non è finita)
Dietro le quinte di StarCraft: Remastered
 

Iscriviti per gli aggiornamenti

Sei pronto ad addentrarti ancora di più nell'universo di StarCraft?
Visita il sito di StarCraft II.